Il tesoretto di casa Roma non si chiama solamente Schick, Nzonzi, Olsen o Karsdorp.