© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Li chiamavano bomber di provincia. Quelli che non sono Icardi né Higuain, ma alla fine in classifica marcatori finiscono spesso e volentieri a ridosso, se non addirittura sopra, delle superstar celebrate delle big. Prendete la scorsa stagione: Quagliarella più in alto di Cristiano Ronaldo. Caputo, Pavoletti e Petagna non così lontani dal campione portoghese. Nel mezzo, Duvan Zapata e Krzysztof Piatek, che già nell’ultimo campionato hanno lottato per le zone alte della graduatoria, con le rispettive squadre e fortune diverse.

Proprio Francesco Caputo è uno di quelli che darà il via all’altro valzer degli attaccanti. In attesa che si sblocchino le danze legate a Higuain, Icardi, Dzeko, Lukaku, il centravanti balla dall’Empoli al Sassuolo: quella di domani dovrebbe essere la giornata decisiva, 17 gol nell’ultimo campionato sono un bottino da capitalizzare per un attaccante che s’è guadagnato gli onori della cronaca sui campi di provincia. Sassuolo scatenato, per la cronaca: cederà Scamacca all’Empoli e con Caputo preleverà anche Diego Farias, pure lui all’Empoli nell’ultima parte della Serie A 2018/2019, ma in prestito dal Cagliari.

Da Sassuolo partirà, salvo sorprese, Kevin Prince Boateng: non proprio un centravanti classico, ma è stato questo il suo ruolo in neroverde e anche in blaugrana. Il Barcellona non l’ha confermato, le richieste in Spagna non mancano, è un sogno del Parma e del Brescia. Stesse squadre interessate, in tempi diversi, a Mario Balotelli, pur difficile da catalogare come bomber di provincia. I ducali si sono sfilati, le Rondinelle ci proveranno anche se i costi sono quelli che sono. Alti.

Ci ha pensato, ci penserà, anche la Sampdoria, che intanto potrebbe salutare Manolo Gabbiadini. Dal blucerchiato al rossoblù del Bologna, verso un’altra seconda casa. Dove troverebbe Mattia Destro: a Mihajlovic non dispiacerebbe puntarci; complici, aggiungiamo, le offerte che non abbondano. Molto dipenderà dall’intesa sulla possibilità di spalmare un ingaggio oneroso. I felsinei sono segnalati anche su Roberto Inglese, di rientro al Napoli e complicato (non impossibile) per il Parma che lo vorrebbe indietro. Ci sono pure Atalanta e Fiorentina: i bergamaschi hanno preso Muriel, ma molto dipenderà dal già citato Zapata. I viola sono accostati a tantissimi numeri 9 per la voglia dei tifosi che la nuova proprietà batta un primo colpo sul mercato in entrata. Difficile possa essere Leonardo Pavoletti, blindassimo dal Cagliari che in questo ballo è però disposto a scendere in pista: nel mirino Gregoire Defrel. Centravanti della Serie A che fanno gola anche all’estero: Andrea Petagna ha estimatori in Premier League e Liga, per fare un esempio. Il passo da bomber di provincia a centravanti internazionale è breve, se fai bene. E l’altro valzer degli attaccanti passerà anche in sordina, ma è una musica che suona e a fine stagione fa anche la differenza, in classifica marcatori.