Amarezza, tanta amarezza per come è finita questa partita. Il Crotone ha dominato sulla compagine scaligera fino all’espulsione di Rohden, espulsione decisa dall’arbitro Piccinini di Forlì che ha sventolato il secondo giallo allo svedese con molta fretta, quasi che non aspettasse altro per poter incidere attivamente sulla partita. Il fischietto romagnolo si è guardato bene dall’usare lo stesso metro di giudizio sui picchiatori di Grosso, nel primo tempo poteva starci un rosso su Matos mentre Di Carmine non è stato nemmeno ammonito in occasione dello scontro che ha messo ko Vaisanen. L’espulsione di Rohden ha cambiato una partita fino a quel momento saldamente in mano agli squali, il gol di Pettinari aveva messo il match sui binari giusti, con lo svedese out Stroppa ha dovuto inserire Molina sacrificando Pettinari, scelta che non condividiamo ma, probabilmente, il tecnico non ha voluto mortificare Mraz che era appena entrato. Lo slovacco ha aiutato pochissimo i compagni, è come se la squadra avesse giocato 30′ in 9 contro 11. Inevitabile il gol del Verona con Di Carmine che ha sfruttato l’assist di Faraoni, che quando indossava la casacca rossoblù non è mai riuscito a farne uno degno di questo nome, sarà l’aria di Verona visto che lui mal sopportava quella pitagorica. Finisce 1 a 1  con i ragazzi che hanno lottato in maniera stoica, su tutti Spolli, e con Cordaz che a 2′ dal termine ha ipnotizzato Gustafson ed evitato una sconfitta che avrebbe avuto il sapore della beffa. Nei nostri occhi rimane la splendida squadra vista nei primi 60′, con Benalì che finalmente ha ripreso le chiavi del centrocampo e dettato il ritmo dei rossoblù. Si torna da Verona con un punto, alla vigilia avremmo firmato ad occhi chiusi ma, dopo aver visto il match, rimane tanto rammarico ed anche molta rabbia per le decisioni arbitrali che hanno condizionato la partita.

VERONA: Silvestri; Faraoni, Marrone, Vitale, Bianchetti; Zaccagni, Munari (13’ Colombatto), Gustafson; Di Gaudio (70’ Pazzini), Di Carmine, Matos (51’ Tupta). A disp.: Berardi, Ferrari, Henderson, Balkovec, Lee, Laribi, Dawidowicz, Almici, Empereur. All. Grosso
CROTONE: Cordaz; Golemic, Spolli, Vaisanen (24’ Curado); Sampirisi, Rohden, Benali, Barberis, Milić; Pettinari (66’ Molina), Machach (61’ Mraz). A disp.: Festa, Cuomo, Firenze, Tripaldelli, Gomelt, Kargbo, Marchizza, Zanellato, Valietti. All. Stroppa
ARBITRO: Piccinini di Forlì
MARCATORI: 50’ Pettinari (C), 78’ Di Carmine (V)
AMMONITI: 31’ Matos (V), 40’ Zaccagni (V), 41’ Marrone (V), 53’ Milić (C), 74’ Cordaz (C)
EPULSO: 63’ Rohden (C) per doppia ammonizione