Kostas Manolas © Getty Images

Il difensore ha fatto il punto sul momento della sua squadra

NEWS ROMA / Kostas Manolas fa il punto sulle news Roma in vista dei prossimi impegni stagionali. Il difensore ha rilasciato una lunga intervista ad 'As Roma Match Program'. Inevitabile partire dalla situazione in campionato: "Dobbiamo pensare partita per partita perché non dipende solo da noi – esordisce il difensore giallorosso – Fino alla sosta la Juve gioca una gara in meno di noi e ci piacerebbe arrivare primi in classifica. Milan? La affronteremo come sempre concentrati, il Milan ha parecchi giovani che non hanno dalla loro tantissima esperienza, ma giocano bene. Noi scendiamo in campo sapendo risultato della Juventus, dobbiamo essere bravi e determinati per portare a casa i tre punti. Sarà una gara importante non solo per passare davanti a loro. Dobbiamo vincere e sperare che la Juventus non vinca il derby”.

Manolas ha poi parlato in generale della stagione romanista. Dalla delusione Champions alla gioia per il derby fino alla gara col Milan. A proposito del big match coi rossoneri, come raccontato oggi in diretta da Calciomercato.it, in campo potrà scendere anche Kevin Strootman. Dopo la sanzione comminata dal Giudice Sportivo, infatti, Strootman ha visto la revoca della precedente squalifica.

IL DERBY – "Sono stati tre punti importanti per la classifica, ma insieme hanno dato tanta felicità alla tifoseria. Per noi un’iniezione di fiducia in più, una grande gioia, abbiamo continuato la striscia di risultati positivi".

IL RAMMARICO – "L’unico che possiamo migliorare è essere primi! Siamo secondi per migliorare dobbiamo arrivare davanti. Anche in Europa League abbiamo vinto il girone. L’unico vero rammarico della stagione è che non siamo entrati in Champions".

CAMPIONATO – "Il campionato è ancora lungo quindi non è determinante, ma le due partite che ci aspettano con Milan e Juventus sono troppo importanti. Siamo motivati, fiduciosi. La soddisfazione del derby vinto è una spinta in più per dare il massimo contro il Milan".

MONTELLA – "A inizio campionato non mi sarei mai aspettato a questo punto il Milan secondo in classifica. Ha fatto un gran lavoro con giovani che ha a disposizione. Chi dei rossoneri fa più paura? Nessuno. Io rispetto tutti, ma se noi siamo in condizione non dobbiamo avere paura di nessuno. Sono convinto che siamo più forti e dobbiamo dimostrarlo".

IL GIOCO – "Siamo i più forti in attacco, ma la difesa non va messa in discussione. Abbiamo subito 16 gol, dall’anno scorso siamo molto migliorati, la Juventus ha subito 13 gol. Poi non conta solo la difesa, difendiamo in 11 e attacchiamo in 11".

I TIFOSI – "Il pubblico è troppo importante. Purtroppo non possono venire allo stadio per la storia delle barriere, ma sono troppo importanti per noi. Ti senti triste, è brutto senza tifosi. Allenamento al 'Tre Fontane'? Quando vedi la gente vicino a te, capisci cosa ti perdi quando non ci sono. Una squadra come la Roma ha bisogno dei tifosi. Ultimamente con 20.000 persone all’Olimpico era un po’ triste. Spero che almeno quarantamila persone verranno allo stadio contro il Milan".

 

M.D.A.