© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

Intervistato da Milan Tv, Mario Pasalic ha parlato dei suoi primi mesi trascorsi in Italia con la maglia rossonera. “L’inizio non è stato semplice perché faticavo a trovare spazio, ma ho continuato ad allenarmi e lavorare duramente per trovare la miglior condizione. Il mister e tutto il suo staff hanno sempre creduto in me e mi hanno supportato. La chance di giocare è arrivata contro il Pescara e la mia prestazione è stata buona. Nelle successive gare la condizione è cresciuta ed ora sono quasi al 100%”, le parole del calciatore che ha poi proseguito: “Ho giocato in tre campionati importanti e ognuno di essi ha presentato difficoltà differenti. Per me non ci sono problemi, riesco ad adattarmi rapidamente ad ogni tipo di calcio e cerco sempre di esprimermi al meglio e mostrare tutte le mie qualità”.

Il rapporto col gol? “Il tempismo è qualcosa che ho dentro. Fin da quando ero piccolo ho avuto questa qualità: riesco ad essere al posto giusto nel momento giusto”.

Il rapporto con i compagni? “Sto cercando di imparare la lingua italiana, ed in questo Locatelli mi sta aiutando molto. Questa cosa è fondamentale, perché ti permette di comunicare nel modo più diretto con i compagni e con tutto lo staff. Voglio imparare l’italiano come ho imparato l’inglese e lo spagnolo”.

Il rapporto con i tifosi? “Il calcio deve essere sempre uno spettacolo dedicato ai nostri tifosi. È una grande occasione per rendere le persone felici, noi ne siamo consapevoli e cerchiamo di fare il possibile perché ciò accada”.