L’ultima versione del presidente Silvio Berlusconi sul closing con i cinesi è nettamente più ottimista rispetto a qualche giorno fa. Il patron è tornato a parlare e ha usato frasi rassicuranti per i tifosi che in questi mesi stanno vivendo con grande pathos questo passaggio societario. “Del closing se ne parla fin troppo, ci sono soldi e certezze”, ha detto Berlusconi. “In Cina la burocrazia è anche più lenta che negli altri Paesi del mondo, aspettiamo i visti del governo cinese ma siamo sicuri che la cosa andrà avanti. Arriveranno importanti capitali per riportare il Milan nell’olimpo internazionale, i tifosi rossoneri se lo meritano”. L’attesa per il 13 dicembre cresce, c’è ancora una piccola speranza, nel caso in cui i cinesi non dovessero ottenere le autorizzazioni dal governo di Pechino, chiederanno una proroga a Fininvest.

Altri 45 giorni per chiudere l’operazione, ma con una nuova caparra da versare a Fininvest, le cui cifre dovranno essere concordate. Il passo più interessante però riguarda gli investitori, perché finalmente sarà resa nota la lista di chi acquisterà il 99.93% delle quote societarie. Un passo avanti, un atto di chiarezza dovuto per tutto il tifo milanista che ha atteso a lungo di conoscere quali colossi saranno dietro tutta questa operazione oltre a YongHong Li e Haixia Capital. L’attesa è crescente, nei primi giorni di settimana prossima Fininvest riceverà la lista completa.

In tutto questo trambusto legato al club il Milan prepara la partita in casa contro il Crotone. Montella deve rinunciare a Bonaventura e quindi si affiderà a Pasalic in quella posizione del campo. In avanti torna Niang dal primo minuto, mentre Lapadula e Suso dovrebbero comporre il resto del tridente. Ballottaggio in difesa tra De Sciglio e Antonelli.