© foto di Antonio Vitiello

MILAN, SLITTA IL CLOSING. APPUNTAMENTO A FINE FEBBRAIO E MERCATO A COSTO ZERO. MONTELLA PERÒ ASPETTA DUE RINFORZI. SIMEONE CONFERMA IL SUO FUTURO ALL’INTER, MENTRE GABIGOL E KONDOGBIA POTREBBERO PARTIRE A GENNAIO. JUVE, WITSEL E IL FUTURO: NON DIPENDERÀ DAL GIOCATORE. LA FIORENTINA GUARDA IN CASA SAMPDORIA. TORINO, LO UNITED PUNTA BELOTTI

È tempo di fissare una nuova data per il closing in casa Milan. Il 13 dicembre precedentemente fissato non sarà più il giorno giusto per il passaggio di consegne. Il nuovo termine ultimo sarà il 28 febbraio 2017, una data che ‘costringerà’ vecchia e nuova dirigenza a condividere le scelte di mercato a gennaio. Tra un mese, però, non ci saranno grossi investimenti: il prossimo sarà un calciomercato a costo zero. Montella però sarebbe ogni giorno più convinto di puntare su Milan Badelj in vista del mercato di gennaio. È lui l’obiettivo principale per la mediana rossonera, con il procuratore che continua a lavorare in favore del club milanese ma anche con la Fiorentina che chiederà diversi milioni per lasciarlo partire nel corso dell’inverno. L’altro nome richiesto dal tecnico napoletano è quello di Alejandro Gomez, vera arma in più dell’Atalanta firmata Gasperini.

In casa Inter tengono banco le parole di Diego Pablo Simeone, che ha confermato le dichiarazioni di suo figlio dei giorni scorsi, aprendo però anche altre piste per il suo futuro: “Ho detto che in futuro allenerò l’Inter, ma lo stesso potrebbe valere anche per Lazio e magari Siviglia, squadre in cui sono stato bene e nelle quali ho lasciato buoni ricordi”. intanto a gennaio sia Gabigol che Kondogbia potrebbero lasciare i nerazzurri: il Liverpool sarebbe in netto vantaggio rispetto a tutte le contendenti per l’acquisto del centrocampista. Il francese a gennaio potrebbe approdare in Premier League per vestire la maglia dei Reds, con Jurgen Klopp che sarebbe disposto a mettere sul piatto un’offerta da 22 milioni di euro. Dura presa di posizione, invece, di Wagner Ribeiro, procuratore di Gabriel Barbosa. L’agente del giovane attaccante nerazzurro ha affermato: “Gabriel non è affatto felice in questo momento. Non si tratta di questioni di spogliatoio con i compagni di squadra, il problema è che non ha mai una possibilità per scendere in campo. A gennaio vogliamo che la situazione si risolva – dice Ribeiro -. De Boer, poco prima di essere mandato via, disse a Kia Joorabchian che con Gabriel non c’era alcun problema, ma adesso anche Pioli, proprio come l’olandese, non sta offrendo alcuna chance al ragazzo. Se non entra in campo nemmeno quando l’Inter è sotto di tre gol come a Napoli, quando giocherà?”. Wagner Ribeiro, poi, ha spiegato anche che un ritorno al Santos non è completamente da escludere. “Esiste questa possibilità che lui torni in Brasile nel 2017, anche se è dura: per lui sarebbe un passo indietro, una sconfitta. E poi ci sarebbe la questione dello slot da extra-UE nell’Inter da considerare: andando in prestito, perderebbe questo posto occupato nel momento dell’acquisto. Ecco perché è più facile un suo passaggio, sempre in prestito, a un altro club italiano”.

Continua la caccia al centrocampista per quel che riguarda la Juventus: i bianconeri starebbero preparando 25 milioni di euro da mettere sul piatto con l’Atalanta per Franck Kessié, vera rivelazione del progetto tecnico di Gasperini. I nerazzurri non vorrebbero lasciarlo partire a gennaio, ma molto dipenderà dall’offerta che Marotta presenterà nel corso delle prossime settimane. Resta poi in piedi la candidatura di Axel Witsel, che ha dichiarato: “Per ora sono qui e gioco per lo Zenit. La decisione non spetta a me, ma al club. In estate potevo andare alla Juventus, ma Lucescu non autorizzò il trasferimento. Non fu una bella sensazione, ma una volta tornato a San Pietroburgo ho ripreso a lavorare regolarmente”.

La Fiorentina guarda invece in casa Sampdoria: la società viola avrebbe inviato un osservatore al Ferraris per Sampdoria-Torino con un obiettivo preciso in testa. Si tratta di Milan Skriniar, difensore centrale classe ’95 che sta giocando con continuità sotto la guida attenta di mister Giampaolo. I blucerchiati sono disponibili a parlare del futuro del giocatore slovacco, con i viola che adesso dovranno decidere se muoversi fin da gennaio oppure se aspettare la prossima estate. Ma c’è dell’altro. La missione viola a Marassi non è servita solo per osservare il giovane difensore, ma anche per visionare ancora una volta Bruno Fernandes, vecchio pallino gigliato, che i blucerchiati riscatteranno obbligatoriamente la prossima estate per 6 milioni di euro. A Paulo Sousa piace molto e i viola potrebbero prendere contatto sia con la società di Ferrero che con i friulani per capire la fattibilità dell’affare. Possibile che per anticipare le concorrenti Corvino provi ad accollarsi l’obbligo di riscatto dando ovviamente qualcosa in cambio anche alla Samp.

Infine il Torino: il Manchester United non si sarebbe spaventato davanti alla clausola rescissoria fissata nel nuovo contratto di Andrea Belotti, fissata da Cairo in 100 milioni di euro, per lasciar partire, all’estero, la punta di diamante della squadra di Mihajlovic. I Red Devils sarebbero pronti a pagare l’intero importo nel corso della prossima estate pur di portare in Premier League il Gallo granata.

MANCHESTER CITY E REAL MADRID PUNTANO ALL’ACQUISTO DI AUBAMEYANG. I BALNCOS DOVRANNO ALZARE L’OFFERTA PER L’AIK PER L’ATTACCANTE ISAK. FUTURO LONTANO DA OLD TRAFFORD PER FELLAINI. BAYERN MONACO, OBIETTIVO KOLASINAC, MENTRE IN CASA ARSENAL SANCHEZ E OZIL BATTONO CASSA.

Appare sempre più probabile la partenza di Pierre-Emerick Aubamenyang dal Borussia Dortmund in estate. Per l’attaccante gabonese si profila un duello di mercato tra Manchester City e Real Madrid. Intanto, per quel che riguarda i Blancos, sarebbe stata respinta l’offerta fatta dal Real Madrid per l’attaccante Alexander Isak. Non ritenuta adeguata dall’AIK la valutazione di 8 milioni di euro per il 17enne, vero obiettivo di mercato di molte big europee (Bayern Monaco, West Ham e Chelsea fra le altre). L’intenzione del Real Madrid era quella di chiudere la trattativa prima di Natale. Il West Ham starebbe pensando al centrocampista del Manchester United, Fellaini, per rinforzare la rosa di Slaven Bilic. Il belga è stato pesantemente criticato dopo l’errore che ha causato il rigore che ha permesso all’Everton di pareggiare in extremis l’ultima sfida di Premier League contro i Red Devils. Il Bayern Monaco potrebbe fare un tentativo a gennaio per Sead Kolasinac, terzino sinistro il cui contratto con lo Schalke 04 scade nel giugno 2017. Il bosniaco sarebbe nel mirino anche del Liverpool. Alexis Sanchez e Mesut Ozil vorrebbero vedersi adeguare il contratto con l’Arsenal, in linea con l’attuale ingaggio che Paul Pogba percepisce al Manchester United (290mila sterline a settimana). Il budget dei Gunners, però, non supera le 200mila sterline settimanali. Attualmente Ozil percepisce 140mila sterline a settimana, 10mila in più di Sanchez.