© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Termina qui la conferenza di Montella.

Su Honda: “E’ un professionista esemplare, tra i primi cinque avuti in carriera. Ha le caratteristiche che ha Suso e sto preferendo quest’ultimo, può fare altri ruoli ma non in questo modulo di gioco e probabilmente sta pagando un pò questo. Magari da qui a Natale potrebbe giocare”.

Su Bertolacci: “E’ stato fermo più di tre mesi, è stato fermo 10 giorni ma è un valore aggiunto per questo gruppo”.

Su Galliani: “Parlo con lui oggi, ho parlato ieri e vedremo insieme la partita domani”.

Sul pubblico: “Nelle ultime gare abbiamo visto che i tifosi sono dalla nostra parte e sono felici di quello che stiamo proponendo. Sento una grossa vicinanza con le persone che vengono allo stadio, è importante la loro partecipazione. Il milanista ora si sente vicino moralmente al gruppo”.

Su Bertolacci: “Il mio obiettivo è quello di far esprimere al meglio tutti i giocatori perchè sono patrimonio della società e spero di tirare il 100% da tutti. Bertolacci ha dimostrato di avere grosse qualità”.

Sull’Europa League: “Sarebbe stato diverso, so che ti toglie tante energie fisiche, magari numericamente c’era bisogno di qualche cosa in più numericamente”.

Sul Milan che arriva davanti all’Inter: “Non saprei, mi auguro che si possa arrivare davanti all’Inter più per meriti nostri che per demeriti degli avversari”.

Su dove può arrivare il Milan: “14 partite non sono poche ma non dicono tutto. Siamo ad un terzo del campionato, siamo felici dell’andamento ma non si possono fare previsioni. Dobbiamo fare la corsa su noi stessi e migliorare il rendimento”.

Su Bacca a Siviglia: “E’ stato autorizzato da me e dalla società per andare fuori sede, non c’è stato nessun problema. Non sapevo che guardasse la partita del Siviglia, spero che abbia registrato la gara di Empoli e si sia divertito come abbiamo fatto noi”.

Sul mercato e il reparto da rinforzare: “Non ne parlo, perchè c’è tempo a cui pensarci. Ci sono gare importanti a cui pensare. Tutto troppo presto e non ne parlo nemmeno con la società. A Natale ci pensiamo”.

Su Juve-Atalanta: “Sono interessato alla gara perchè poi con l’Atalanta ci giocheremo tra due domeniche. I risultati delle altre non li puoi controllare, sono energie sprecate male. Pensiamo ai nostri risultati. L’Atalanta per anni ha avuto un settore giovanile all’avanguardia, pure il Milan l’ha avuto. Il vivaio dell’Atalanta è uno dei migliori d’Italia”.

Sugli infortuni: “Montolivo lo vedremo l’anno nuovo, per Calabria si sono allungati i tempi mentre Bonaventura lo vedremo la settimana prossima, così come Mati. Però non sono cose gravi”.

Su Bacca: “E’ stato un pò sotto media, però al derby ha fatto un’ottima partita anche se non è andato in gol. Non si è allenato per un problema, oggi vedremo come sta, poi per le prossime partite ci penseremo. Non mi sento di anticipare nulla”.

Sui pochi punti dell’anno scorso contro le ultime tre in classifica: “Non posso guardare al passato, devo pensare all’attuale stagione. La continuità dentro la partita è importante”.

Sul turnover: “Quando arrivi a questo punto della stagione, se c’è la possibilità sarebbe opportuno far riposare qualcuno a livello mentale”.

Sulle tante squadre in pochi punti: “E’ un campionato equilibrato, ci sono 4-5 squadre in tre punti, tante squadre vicine. La Juve ha una media scudetto quindi penso sia livellato verso l’alto”.

Sul lavoro: “Abbiamo lavorato sulla tattica, sulla mente e sul corpo. I punti di domani valgono come quelli con la Juve, dobbiamo pensare di giocare bene e portare avanti i nostri principi”.

Sul Crotone e l’oraio: “Hanno avuto un periodo di adattamento e poi non hanno nemmeno giocato in casa, da quando lo fanno hanno trovato un assetto importante, è sempre stata in partita il Crotone. Penso al Sassuolo, al Torino, all’Inter, con il Palermo e la Samp. Con un nuovo assetto hanno trovato una certa continuità. Non è facile”.

Su Davide Nicola: “Ci conosciamo da tempo, è un ragazzo che ha grande conoscenza e sensibilità. E’ molto preparato e sono contento di ritrovarlo su un campo di serie A”.

Sulla tragedia della Chape: “Siamo molti vicini ai familiari di questa tragedia, c’è il massimo cordoglio e la massima vicinanza, sono contento che la società abbia fatto questa iniziativa, i giocatori del Milan hanno aderito con molta partecipazione”.

Tra poco il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, parlerà in conferenza stampa da Milanello alla vigilia della sfida contro il Crotone domani allo stadio San Siro. Segui le parole del tecnico rossonero su TMW.