© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Il centrocampista della Pro Vercelli, ma di proprietà della Juventus, Fausto Rossi ha fatto il punto sull’annata. “Campionato non facile, ci siamo salvati all’ultima giornata ascoltando gli altri. Il vantaggio era importante ma aspettavamo che si incastrassero gli altri risultati. Avrei voluto fare un po’ di più, ma sono stato fuori per un mesetto e mezzo. Sono stato penalizzato ma è stata una stagione positiva”.

Sulla Serie B.
“Tutti ci aspettavamo il Cagliari, ed è arrivato, ma Crotone e Trapani – con l’Entella – sono le due rivelazioni del campionato. La Salernitana pensavo che potesse fare qualcosa di più, ma ha avuto qualche problema di infortuni… penso a Schiavi, uno dei migliori giocatori della Serie B. Poi il Livorno, ma ci stanno le annate in cui tutto va storto”.

Sulla Spagna.
“Beh, è risaputo che io sia stato molto bene lì, sono stato accolto molto bene dal primo all’ultimo giorno. Mi sono adattato bene, ho sempre giocato, ci butto un occhio. È ovvio che qualche chiamata arrivi sempre, valuterò tutto quest’anno e deciderò”.

Sull’eventuale approdo al Torino.
“Questo è quello che ho sentito io, l’anno scorso, poi è normale che le cose vere al 100% sono solo quelle ufficiali. Ci sta che un procuratore abbia colloqui, a me farebbe tanto piacere essere accostato, non ho mai negato che il mio cuore fosse granata, sebbene sia stato sotto contratto con la Juve per quasi quindici anni”.

Sui playoff.
“Io vedo leggermente favorito il Pescara, perché ha una rosa ampia e grandi potenzialità. Quando li ho incontrati mi han fatto una grandissima impressione, sebbene poi avessimo vinto 5-2”.