Festa Leicester
Festa Leicester
Festa Leicester
Festa Leicester City
Festa Leicester City
Festa Leicester City

00.20 – Attraverso i rispettivi profili su Twitter anche Riyad Mahrez e Jamie Vardy hanno festeggiato per la conquista della Premier League.

…. pic.twitter.com/nnwmRyOg6y

— Jamie Vardy (@vardy7) 2 maggio 2016

00.18 – Grazie alla nostra inviata Francesca Cenciarini, arrivano da Leicester le immagini della festa dei tifosi delle Foxes.

CHAMPIONS !!!!! 🏆🏆🏆🏆🏆🏆 thank u everyone !!!

— Riyad Mahrez (@Mahrez22) 2 maggio 2016

00.11 – Leicester City campione d’Inghilterra, per la prima volta nei 132 anni della sua storia. Per l’ultima “prima volta” del calcio inglese, bisogna andare abbastanza indietro nel tempo: precisamente, alla First Division 1977/1978. Quell’anno ad imporsi fu il Nottingham Forest di Brian Clough, primo e unico successo nella storia dei Garibaldi Reds. E all’epoca, appunto, non si chiamava ancora Premier League.

00.10 – È uno dei simboli del Leicester novello campione di Premier League. E attraverso i canali ufficiali delle Foxes Wes Morgan ha commentato questo successo: “È uno dei momenti migliori della mia carriera e non potrei essere più orgoglioso di fare parte di questa squadra. Abbiamo lavorato tutti al massimo per ottenere questo, nessuno ci credeva ma ora siamo qui, abbiamo vinto la Premier League e l’abbiamo meritata.

Non ho mai visto uno spirito di squadra come quello di questi ragazzi, siamo come fratelli. Le persone l’hanno visto già l’anno scorso quando tutti si aspettavano che saremmo retrocessi, ma abbiamo lottato per dimostrare che tutti si sbagliavano. Questa stagione è una continuazione della scorsa, anche se non penso che nessuno potesse immaginare una cosa del genere”.

00.01 – Raggiunto in collegamento telefonico da Il Processo del Lunedì su Rai3, Claudio Ranieri commenta la recente vittoria della Premier League da parte del suo Leicester: “Quando succede qualcosa non riesci a realizzare: anche nel primo tempo c’era tanto fiducia. Poi dopo il gol di Cahill ho iniziato a crederci, al gol di Hazard sono saltato, è normale”.

C’è una dedica che vuole fare per questo successo?
“Più che altro vorrei dire: ho 64 anni, è da tanto che lotto, però ho sempre avuto una positività e ho sempre pensato che avrei vinto uno scudetto da qualche parte. Sono lo stesso uomo che è stato mandato un anno e mezzo via dalla Grecia, quando molti avevano dimenticato cosa avessi fatto prima. L’unica dedica che posso fare è a tutti quanti: provateci e credeteci”.

È riuscito a distogliere l’attenzione dal rugby.
“Sì, è vero, il rugby mi ha sempre affascinato proprio per la capacità di aiutarsi l’uno con l’altro”.

In Italia vi sarà mai un caso Leicester?
“Forse bisognerebbe ripartire i soldi derivanti dai diritti tv in maniera diversa”.

Si è tolto qualche sassolino dalla scarpa.
“Non è che qualcuno si dimentichi, mi piace dire che sono lo stesso della Grecia, non sono cambiato”.

Ha la responsabilità e il merito di essere un ambasciatore del calcio italiano oltre Manica.
“Le responsabilità le raccolgo volentieri, i meriti mi piace darli a Gianfranco Zola: quando lo allenavo al Chelsea tutti i tifosi delle altre squadre lo applaudivano. Era il più grande ambasciatore e rappresentante dell’Italia calcistica, a me piace ricordare sempre lui”.

Resta a Leicester?
“Sì. Con il presidente avevamo programmato di costruire una squadra che potesse con calma arrivare in Champions League. Noi sappiamo che quest’anno è stato incredibile e che l’anno prossimo lotteremo dal decimo posto in su, perciò dobbiamo continuare a crescere in questo modo”.

23.38 – Attraverso i rispettivi profili su Twitter, arrivano i complimenti del calcio italiano a Claudio Ranieri. Dalle sue ex squadre: Cagliari, Palermo, Roma, Inter, Juventus. Ma anche la Lega di A e un collega come Roberto Mancini, tutti in fila per dire: “Well done Claudio”.

Complimenti a #Ranieri e al @LCFC! Non era semplice vincere contro le big della #PremierLeague
#Leicester #lecosebelledelcalcio

– Roberto Mancini (@robymancio) 2 maggio 2016

Good job, Mr. Ranieri & @LCFC!

– JuventusFC (@juventusfc) 2 maggio 2016

Congratulazioni a Claudio #Ranieri e al @LCFC da tutta l’#ASRoma https://t.co/7H5Wt7ELOW pic.twitter.com/P4zeLpRRe8

– AS Roma (@OfficialASRoma) 2 maggio 2016

Una grandiosa impresa firmata Claudio #Ranieri. Well done, mister! https://t.co/W4tfQFmf40

– Cagliari Calcio (@CagliariCalcio) 2 maggio 2016

C’è un po’ di #rosanero nell’impresa del #Leicester: well done, Mr. Claudio! @LCFC @premierleague @SerieA_TIM pic.twitter.com/bcxaO7KXTy

– US Città di Palermo (@palermocalcioit) 2 maggio 2016

#RANIERI KING OF ENGLAND

Congratulations @LCFC!#Leicester #PremierLeague #SerieATIM pic.twitter.com/v9WOWZ9gia

– Serie A TIM (@SerieA_TIM) 2 maggio 2016

Congratulations to Claudio #Ranieri and @LCFC on a magnificent achievement! 👏🏼🔝🇮🇹🇬🇧 pic.twitter.com/zhFgzScTLn

– F.C. Internazionale (@Inter_en) 2 maggio 2016

23.30 – Claudio Ranieri aveva detto che non avrebbe seguito Chelsea-Tottenham. I giocatori del Leicester invece lo hanno fatto e attraverso il profilo Twitter del terzino sinistro Christian Fuchs arrivano le immagini del momento in cui è arrivato il triplice fischio a Stamford Bridge.

CHAMPIONS!!!! pic.twitter.com/pFtvo5XUNx

– Christian Fuchs (@FuchsOfficial) 2 maggio 2016

23.27 – Attraverso i microfoni di Fox Sports, arriva la reazione di Mauricio Pochettino, allenatore del Tottenham, principale competitor del Leicester per il titolo, dopo il pareggio per 2-2 contro il Chelsea: “Complimenti a Ranieri, ai giocatori, allo staff e anche ai tifosi: meritano il titolo. Sono deluso per quanto ci riguarda perché abbiamo combattuto sino alla fine. Penso che nel secondo tempo avremmo dovuto segnare il terzo gol,ma il Chelsea ha buoni giocatori: abbiamo concesso il 2-1 e ora siamo delusi ma sono anche orgoglioso della stagione. Possiamo lottare per il secondo posto, dobbiamo stare attenti all’Arsenal ed essere pronti per la prossima partita. Dobbiamo comunque essere orgogliosi per quanto fatto e dire grazie ai tifosi”.

23.16 – Leicester campione d’Inghilterra per la prima volta nella sua storia e attraverso internet arrivano le reazioni dei principali quotidiani britannici.

The Sun: “L’evento sportivo più sconvolgente di sempre: il Leicester vince la Premier League dopo che gli Spurs la gettano allo Stamford Bridge”.

Sport Mirror: “Leicester Campione! Gli Spurs pareggiano e con il Chelsea e vedono le Foxes completare il miracolo titolo dato 5000-1″.

Sky Sports: “Il Leicester City ha ottenuto uno dei trionfi più rimarchevoli di sempre nella storia dello sport, vincendo la Premier League 2015/2016”.

Daily Mail: “Il Leicester vince la Premier League! Il sogno degli Spurs finisce dopo la Battaglia di Stamford Bridge con il Chelsea che rimonta due gol”.

The Guardian: “Il Leicester vince il titolo dopo una stagione da favola”.

23.12 – “Dalla League One al titolo di campioni di Premier League”. Andy King c’era negli anni di militanza nella terza serie calcistica inglese e c’è anche oggi che il Leicester ha vinto per la prima volta nella sua storia. Il centrocampista ha voluto rendere noto il proprio prensiero attraverso il suo profilo Instagram: “Grazie a tutti, tifosi, staff, giocatori, per questo incredibile viaggio. Ora godiamoci la festa”.

From League One to Premier League Champions!! Unbelievable feeling.. Thank you to all the fans, staff, players who have helped this incredible journey!! Let’s enjoy the party 💙🏆 #LcFc #Leicester #PremierLeagueWinners

Una foto pubblicata da Andy King (@10_kingy) in data:

23.09 – Il Leicester City di Claudio Ranieri è Campione di Premier League: si tratta del primo titolo nazionale conquistato dalle Foxes nella storia, dalla loro fondazione avvenuta nel 1884.