© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La Juventus festeggia il suo quinto Scudetto consecutivo strapazzando la Sampdoria per 5-0. Una vittoria targata, ancora una volta, Paulo Dybala (doppietta). L’argentino arrivato dal Palermo per 32 milioni di euro più 8 di bonus è stato sicuramente una delle note più positive della stagione dei bianconeri. E pensare che la sua avventura all’ombra della Mole non era certo iniziata nel migliore dei modi. Tormentato dalla pesantissima eredità di Carlos Tevez, lasciato spesso fuori da Allegri, considerato troppo acerbo per una big. Dubbi che Dybala è riuscito però a spazzare via facendo quello che sa fare meglio: gonfiare la rete da ogni posizione del campo. Sono ben 23 i gol segnati infatti dal classe 1993, due in più rispetto a quelli di Carlitos nel 2013/2014 (primo anno in bianconero), ai quali vanno aggiunti pure nove assist. “Un traguardo impensabile”, a detta dello stesso calciatore, ma pienamente meritato. Perché, passato presto da scommessa a leader, Dybala si è preso la Juventus sulle spalle. E non vuole certo fermarsi qui: in programma c’è infatti un’altra finale, quella di Coppa Italia col Milan, decisiva per regalare ad Allegri uno storico doblete.