© foto di Federico Gaetano

Lo brama pure il Perù e questo basta per raccontare di un nuovo personaggio a sorpresa di nome Gianluca Lapadula. Che nell’anno di Jamie Vardy rappresenta, pur surrogato in Serie B, la risposta all’italiana con un po’ di salsa peruviana, visto che il ct Ricardo Garega lo vorrebbe in Nazionale. Il Braveheart di Pescara, intanto, continua a segnare. Lo score, 22 reti e 10 assist in stagione, è di quelli da record che fanno venire il classico pensiero: perché le grandi d’Italia continuano a guardare lontano dal Belpaese, pescando lo straniero improvvisato anziché il nostrano di qualità e non solo quantità? Lapadula è stato tra i mille tesserati del Parma poi fallito, ha segnato record e gol con il Teramo poi penalizzato, ha cercato il trampolino sulle ali del Delfino. Ed i numeri di questa stagione, per uno che in carriera finora ha vestito anche la maglia del Nova Gorica oltre che quelle della provincia d’Italia, lo consacrano. Lapadula è la risposta, surrogata, a Jamie Vardy. Una rovesciata dopo l’altra, tanto che lo sogna anche il Perù, oltre che Juventus e Napoli.