© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Attraverso TMW Radio, Michele Troiano ha parlato del momento che vive la Virtus Entella. Queste le parole del centrocampista in forza alla squadra ligure: “Col Pescara gara dal sapore dei playoff? Sarà una partita importante, gli stimoli arriveranno da soli. Sfidiamo una gara davvero fortissima, fino a qualche tempo fa sembrava impensabile giocare gare così importanti. Proveremo a sfruttare qualche loro punto debole”.

Il Pescara, però, è una squadra davvero fortissima. “Il Pescara non è solo Lapadula, ma una squadra compatta. Forse quella con più qualità del nostro campionato, sa giocare a calcio. Fanno davvero paura. Lapadula è un calciatore molto forte”.

La stagione del Crotone? “Nessuno si aspettava che potesse vincere, ma la Serie B è bella per questo. Se non sarà promosso nella gara del weekend, sarà per la prossima partita. Non ha mai perso la testa. Ha espresso il miglior calcio della cadetteria con giovani interessanti, merita la promozione”.

Lei è un ex Modena. Si aspettava di vederlo così in basso? “Non me l’aspettavo, l’anno scorso abbiamo fatto i playout. Noi siamo ripartiti con grande cattiveria agonistica, ma non mi permetto di giudicare altre squadre. Gli auguro di salvarsi, giocare i playout col caldo è dura. Soprattutto con 42 gare sulle spalle”.

Mister Prina e mister Aglietti? “Io mi sono trovato molto bene con entrambi. Con Prina ho vinto il campionato di Lega Pro, siamo stati primi dall’inizio all’ ultimo. L’anno scorso ci sono state delle difficoltà ma siamo noi che andiamo in campo. Aglietti è arrivato alla fine e quest’anno ha dato la sua impronta di gioco e caratteriale”.

Come valuta il momento del Cagliari? “È normale che, contro il Cagliari, tutte le squadre hanno fatto la gara della vita. I sardi sono stati bravi a gestire, mantenendo sempre un certo distacco dalla terza in classifica. Credo che sarà la seconda squadra ad andare in Serie A”.

Ha giocato anche al Sassuolo. Vede Di Francesco pronto per una big? Ho lavorato un anno con lui e il suo staff, sono bravissime persone dal punto di vista umano. I risultati del Sassuolo parlano per il mister, ha fatto crescere calciatori importanti. È pronto per il grande salto ma ad oggi ha rinnovato col Sassuolo. Ma credo che la sua ambizione sia quella di allenare una big. È pronto e ha uno staff preparato, sono pronti per grandi palcoscenici”.

Cosa pensa dei vostri tifosi e dell’appello di venire allo stadio sfoggiando le bandiere dell’Entella?“E’ bello, c’è una bella atmosfera in città intorno la squadra. Questa è una delle tante iniziative per avvicinare i tifosi. Per noi sono il dodicesimo uomo in campo. È bello vedere lo stadio pieno, è bello anche vedere sciarpe e bandiere in giro. Sabato sarà una gara importante per il nostro cammino”.