© foto di Luigi Putignano/TuttoLegaPro.com

Ospite di TMW Radio, il direttore sportivo del Brescia Renzo Castagnini, parla nel corso di “Dietro le quinte” del momento della squadra e di temi legati al calcio inglese: “Siamo l’unica squadra che fa giocare così tanti giovani tutte le domeniche, abbiamo giocatori in Under 21, Under 20… potevamo forse qualcosa di più, ma bisogna anche accontentarsi e coi giovani non è facile avere sempre continuità”.

Adesso arriva il Vicenza: proverete a dare un’altra soddisfazione ai vosti tifosi?
“In Serie B le partite sono tutte uguali, è un campionato strano il nostro: abbiamo battuto tutte le grandi e con quelle sotto in classifica abbiamo fatto fatica. Dovremo giocare col coltello tra i denti o rischiamo brutte figure”.

Ha idea da dove ripartirà la carriera di Franco Baldini?
“Credo che voglia fermarsi ancora una po’, non credo abbia voglia di rientrare così velocemente, questo è quello che mi ha detto. E’ una questione di stimoli, non solo di Italia o estero”.

Com’era Harry Kane ai temi del Tottenham?
“E’ stata una sorpresa anche per noi sinceramente: era bravo, non credevamo così bravo. Lo avevamo messo in vendita, succede”.

Vardy lo conosceva?
“Sì, i giocatori li si conoscono quasi tutti ma bisogna vedere se si confermerà, la strada è lunga. Ha fatto un campionato straordinario, ma vedremo il prossimo”.

Chi apprezza in particolare dello straordinario Leicester City di Ranieri?
“Mi piace molto Kantè, è una macchina da guerra. Conquista tanti palloni, è una garanzia per Ranieri”.