© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Alessandro Orlando, ex giocatore di Sampdoria, Fiorentina e Udinese ha parlato ai microfoni di TMW Radio durante la trasmissione Il Sampdoriano: “A Firenze ho visto una squadra in palla e domenica contro l’Udinese dovrà cercare di ripetersi. I bianconeri sono in forma, ma Montella ha trovato l’equilibrio nella sua squadra. Ha perso Eder a gennaio, l’uomo che creava qualcosa in più ma adesso le cose vanno meglio. Era strano vedere la Samp così in basso in classifica. Nessuno si sarebbe potuto aspettare una stagione del genere. Ritrovarsi in lotta per la salvezza non ha rispecchiato l’effettivo valore della squadra. Montella inizialmente ha fatto fatica perché punta sempre sul bel gioco e non è facile quando ci si trova in basso in classifica. Una piazza come Genova con una tifoseria come quella della Samp più far rendere al meglio l’Aeroplanino che potrà iniziare un nuovo ciclo in Liguria dopo quello molto positivo a Firenze”.

Si è sentita l’assenza di Barreto e Palombo?
“I giocatori di esperienza e qualità sono fondamentali e fanno la differenza. La rose è comunque ampia e credo che nelle ultime giornate la squadra potrà divertirsi. Si potrà lavorare serenamente e i risultati arriveranno”.

Le quattro giornate a Higuain?
“Ero allo stadio e guardando i parametri di tolleranza credo che la decisione del giudice sportivo sia giusta. Ha messo le mani addosso all’arbitro e le proteste sono durate a lungo. Credo che le quattro giornate ci stiano, non si deve avere metro diverso se un giocatore è più importante di un altro. Nel giro di pochi mesi il Napoli ha perso tutto e il giocatore era molto nervoso, ma in campo ci si deve contenere, c’è chi ci riesce e chi no. Anche perché i ragazzi che guardano la partita alla televisione prendono i calciatori come esempio e queste cose non devono accadere”.



Fonte originale