Moses Odjer
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com

Il ghanese della Salernitana Moses Odjer sta giocando un campionato davvero mirabile, con 23 presenze e una rete segnata al Latina: è il più giovane dei granata e si sta trovando bene soprattutto nel centrocampo a due mediani voluto da Menichini. Luigi Sorrentino è l’agente di Odjer, e parlando ai microfoni di TuttoSalernitana.com ha commentato la stagione fin qui disputata dal suo assistito, che è di proprietà del Catania.
“Una delle prerogative del ragazzo è quella di riuscire a convincere gli allenatori, anche l’anno scorso ha avuto la possibilità di giocare con tutti, sempre”.

La sua posizione di interno può farlo rendere molto bene.
“Penso di sì. Da quando è arrivato Menichini, che ha proposto una squadra più corta, va meglio. Ha necessità anche lui di avere una squadra equilibrata”.

Ha visto il gol segnato da Odjer al Latina? Un tiro di rara potenza.
“Sì, l’ho guardato alla televisione. Avevo parlato con lui la mattina di quella partita e gli ho detto: ‘Vedi di farmi un gol’, e ci è riuscito. Però non è una cosa casuale, il ragazzo ce l’ha nelle corde il tiro da fuori. È secondo me uno dei pochi africani che sappiano calciare bene, ricordo il gol segnato al Mondiale under 20, un Mondiale in cui aveva giocato molto sotto età, con i classe 1993”.

Ha già idea di dove possa essere il futuro di Odjer? Si parlava della Lazio…
“Sì, ma la Lazio e la Salernitana, lo sa meglio di me, sono un’unica famiglia. Non è un problema se lo segue la Lazio o la Salernitana. In questo momento in giocatore sta pensando a portare la squadra alla salvezza, dopo a fine campionato tiriamo le somme. A Salerno Moses si sta trovando benissimo”.

Odjer è contento del suo campionato?
“Per il momento possiamo dire che è contento, anche se tutte le volte che gli dico che ha giocato bene lui mi risponde che poteva fare di più. Il suo obiettivo è quello di crescere”.

La Salernitana si salverà?
“Penso che abbia tutte le carte in regola per farcela, ha un calendario che la favorisce, e ha bisogno di un po’ di fortuna. Meglio che vadano le cose bene”.

Torrente ha detto che Odjer è paragonabile a un Rino Gattuso più tecnico. È d’accordo?
“Ne sarei contentissimo, visto che Gattuso ha vinto un Mondiale. È un accostamento, con le dovute cautele, che ci può stare. Ma un po’ esagerato adesso”.