© foto di Federico Gaetano

Contro il Verona il Napoli sarà chiamato al riscatto senza Gonzalo Higuain. Il Pipita sconterà la prima delle quattro giornate di squalifica, aspettando l’esito del ricorso che ha l’obiettivo di dimezzarle, anche se il risultato più credibile è lo sconto a tre, considerando anche i precedenti. Per un trascinatore che guarderà i suoi compagni dalla tribuna, un altro tornerà in campo. Pepe Reina avverte ancora un pò di fastidio, a livello muscolare sin dal primo anno di Benitez ha mostrato delle fragilità e per questo il meticoloso staff del dottor De Nicola non forza il rientro in gruppo. Fino a ieri ha svolto lavoro ridotto e personalizzato, ma ci sono tre giorni per puntare al recupero completo.

Contro l’Udinese la sua assenza s’è fatta sentire non poco. E non è un caso l’errore di Gabriel nel giro-palla che ha permesso ai friulani di portarsi avanti 2-1 proprio a fine primo tempo, quando il Napoli aveva reagito col pareggio e si ipotizzava un secondo tempo alla ricerca del vantaggio, sfruttando un calo dell’avversario per lo sforzo della pressione a tutto campo. L’abitudine di tutta la difesa è di coinvolgerlo in qualsiasi situazione, anche la più complicata: così ha fatto Ghoulam, servendo a Gabriel un retropassaggio sporco, per alcuni rimbalzi dovuti ad un terreno non in perfette condizioni, oltre alla pressione di Duvan. Ne è venuto fuori un tocco errato ed un’uscita disperata in cui s’è denotata tutta la poca esperienza del brasiliano.

Contro il Verona probabilmente gli azzurri riavranno la loro guida difensiva, una sorta di regista arretrato per tornare a fare dell’uscita dalla difesa il marchio di fabbrica che ha caratterizzato questa stagione. Per il resto Sarri dovrebbe affidarsi alla rabbia della squadra sconfitta ad Udine con due cambi forzati. Chance da titolare per Manolo Gabbiadini al posto del Pipita e Chiriches in coppia con Albiol per la squalifica di Koulibaly. In particolare dal tridente offensivo si attendono risposte importanti, considerando che in panchina non c’è neanche Mertens, altro squalificato, e l’unico cambio è rappresentato da El Kaddouri.