© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

Passo indietro del Milan che ha impattato contro il Carpi a San Siro. Al termine della sfida il tecnico rossonero Cristian Brocchi ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium: “Secondo me c’è mancata la fase di finalizzazione dove abbiamo avuto poca cattiveria agonistica nel cercare il gol. Abbiamo tenuto in mano il gioco per tutta la partita”.

Con Bacca vi siete già chiariti?
“Sicuramente era in trance agonistica in quel momento. E’ stata una reazione a caldo da stigmatizzare che non succederà più. Mi spiace che solo che non ha dato la mano al suo compagno”.

Come mai il cambio di Bacca?
“In quel momento avevo bisogno di un giocatore che sapesse dare una mano nell’uno contro uno. Andavamo a sbattere contro la difesa avversaria e Menez poteva garantirmi quello”.

Anche stasera abbiamo visto che non si muovono insieme le due punte.
“In realtà si sono cercati poco. Io chiedo sempre che le due punte in zona finalizzazione si cerchino e si aiutino. Purtroppo stasera erano vicini ma venivano fuori dalla marcatura cercando di ricevere il pallone fra i piedi. I nostri avversari hanno eretto un muro e ho pensato che Menez ci desse un po’ di ampiezza in più”.

Passo indietro dopo Genova?
“Assolutamente sì perchè non abbiamo vinto. Queste gare il Milan le deve vincere. Gioca in casa e deve avere una rabbia agonistica diversa. Qualcosa a tratti si è visto, quello che ci è mancato, come ho già detto, è stato l’attacco della porta che avrebbe potuto creare qualche momento di difficoltà”.

José Mauri è stato bravo ad inserirsi. Dovevate farlo di più?
“Era quello che continuavo a chiedere ed è quello che ho chiesto anche a fine primo tempo. Abate ha attaccato, ma veniva aggredita poco l’area. Questo è stato il limite di oggi”.

Avrebbe fatto comodo Paloschi?
“Come posso parlare di giocatori che non sono nella mia rosa. Ora ho ottimi attaccanti e dobbiamo fare in modo che riescano a fare movimenti utili alla squadra. Sono contento degli attaccanti che ho ma non sono contento di come interpretano alcune situazioni di gioco”.