23.48 – Termina la conferenza stampa

Valuti il ritiro? “Arriveremo in nottata, poi ci alleniamo…”

Ha paura di retrocedere? “La paura è una debolezza, bisogna essere coscienti della propria forza, altrimenti perdi 6-0…”

Si dice che il Napoli non ha alternative, hanno segnato Mertens, Gabbiadini e Lopez.: “Non mi sembra, il parco giocatori del Napoli è da seconda squadra di serie A. Ci vogliono idee, gioco, ma anche interpreti come questi… ed oggi mancava Higuain”.

Cosa è cambiato rispetto alla gara d’andata? “Ho fatto vedere la gara dell’andata, come l’abbiamo interpretata. All’andata siamo stati aggressivi, propositivi, decisi in ogni contrasto, oggi siamo partiti sconfitti, senza convinzione, prendendo gol assurdi. E’ un pugno in faccia duro, dobbiamo ora riprenderci”.

L’infortunio di Destro quanto incide su queste sconfitte? “Nulla. Non sarebbe stato di certo Destro a far cambiare tutta la partita se non diamo un’impronta diversa. Ora dobbiamo reagire in maniera diversa per garantirci la permanenza in serie A”.

Come commenta una gara del genere? “C’è poco da dire, se non prendersi le responsabilità, a partire dal sottoscritto. Forse è stato meglio prendere 6 gol che uno, questo è quello che ci attende se non interpretiamo bene le gare. E’ una sconfitta amara, vergognosa, ma preferisco sia così e non con un 1-0 e pensare che tutto va bene”

23.39 – Inizia la conferenza stampa

Gentili lettori, benvenuti alla diretta testuale della conferenza stampa di Roberto Donadoni dal San Paolo dopo il brutto ko per 6-0 contro il Napoli