© foto di Federico Gaetano

Santiago Gentiletti, difensore della Lazio, ha parlato in zona mista al termine della gara vinta con l’Empoli. Queste le sue parole riportate dai colleghi de Lalaziosiamonoi.it: “Abbiamo fatto una buona partita. Ci alleniamo e giochiamo differentemente rispetto prima. Facciamo più possesso palla, con Pioli facevamo più pressing. Ho subito degli stop e mi sono ripreso. Poi sul perché non giocassi ha deciso l’allenatore (Pioli, ndr) e sono scelte del tecnico. Non è vero che prima non c’era meritocrazia. E’ sempre stato così’: chi si allena bene, deve giocare. Poi sulla Juventus, prossima avversaria della Lazio: ” La Juventus è una squadra molto forte, è una squadra difficile però non abbiamo paura. Successivamente sul suo futuro: “Vedremo a fine stagione, ho ancora un anno di contratto. Se stasera tifo Sampdoria? No, andrò a cena fuori”. Infine sul suo percorso alla Lazio e sui problemi avuti quest’anno in difesa: “E’ difficile mantenere il livello alto, quando ero arrivato qui stavo benissimo, poi c’è stato l’infortunio ed è difficile tornare a certi livelli. Quest’anno in difesa abbiamo cambiato molte volte la coppia. E’ più facile giocare spesso con un difensore a fianco che con cui crei un’intesa. Abbiamo cambiato molto in difesa quest’anno e non è stato facile intendersi. Se preferisco Bisevac o Hoedt? Sono entrambi grandi giocatori”.