© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

“Cavani è un profilo interessante”. Così ieri mattina, ai microfoni di Radio Rai, l’amministratore delegato della Juventus Giuseppe Marotta s’è espresso su Edinson Cavani, uno degli obiettivi di mercato dei bianconeri per la prossima sessione di calciomercato.
Il Matador piace alla Juve da tempo, fin dai tempi di Napoli. E il dirigente bianconero non ha fatto nulla per nasconderlo: “E’ un ottimo calciatore, noi stiamo guardando avanti perché dobbiamo essere competitivi non sono in Italia ma anche in Europa, per cui il nostro obiettivo è quello di cogliere tutte le opportunità”.
Parole che lasciano presagire una trattativa che, però, al momento non è partita e che difficilmente partirà vista la distanza economica difficilmente colmabile. Cavani vorrebbe lasciare il Paris Saint-Germain, ma ha al momento altri due anni di contratto e una valutazione di mercato non inferiore ai 35-40 milioni di euro. A questo, c’è da aggiungere un aspetto ancora più importante, quello decisivo. Cavani a Parigi guadagna 7-8 milioni di euro e punta a strappare uno stipendio ancora più importante. Un ingaggio ad otto cifre, da 10 mln e più stagione, che in Inghilterra possono garantirgli Chelsea e Manchester United e che di certo non può assicuragli la Juventus.
Ecco perché Marotta, pur apprezzando Cavani, ha in questo momento idee diverse. Tra queste, quella di confermare Alvaro Morata nonostante il diritto di recompra del Real Madrid. I contatti con Florentino Perez sono pronti a partire: si tratta sul compenso da corrispondere alle merengues per cedere, questa volta in maniera definitiva, il centravanti spagnolo. Con buona pace di Cavani, destinato alla Premier League.