© foto di www.imagephotoagency.it

Due gol per certificare il pieno recupero. Due partite per tornare nuovamente nel cuore dei tifosi nerazzurri. E’ stato Stevan Jovetic il grande protagonista delle ultime due gare disputate a San Siro dall’Inter. Sei punti conquistati per blindare il secondo posto e rilanciare l’attaccante montenegrino che a marzo era stato frenato da un infortunio.
Sabato scorso, nella sfida vinta contro il Napoli, non aveva segnato, ma era stato tra i migliori in campo. Alle spalle di Icardi fu lui il collante tra centrocampo e attacco: buone azioni offensive, un pressing costante su Jorginho e tanta corsa. Un impegno costante che al 77esimo, al momento della sua sostituzione per far spazio a Felipe Melo, fu omaggiato con una calorosa standing ovation del pubblico di San Siro.
Ieri, poi, ha fatto addirittura meglio. Tornato titolare dopo aver giocato solo i dieci minuti finale della gara persa sul campo del Genoa, Jovetic ha siglato la doppietta che ha ribaltato il momentaneo vantaggio dell’Udinese firmato Thereau. Con queste reti l’ex Manchester City sale al secondo posto nella classifica marcatori dell’Inter alle spalle di Mauro Icardi. L’obiettivo, adesso, è chiudere al meglio la stagione per poi trovare nel prossimo campionato quella continuità necessaria per diventare uno dei calciatori più determinanti del nostro campionato. Le qualità non gli mancano e lo stesso Jovetic ieri sera, subito dopo la gara vinta 3-1 contro l’Udinese, ha confermato di poter fare molto di più: “Dovevo fare almeno 15 gol. Ci sono stati anche tanti eventi che mi hanno rallentato, ma io cerco solo colpe mie e non le do mai agli altri”.