IMG_4401Un Crotone spento per buona parte del primo tempo travolto dalla carica cesenate. Dopo che il Cesena ha recriminato, dopo appena 2 minuti per un rigore non fischiato da Abbattista, lo spietato ex Ciano, rifila una doppietta che fa male, (primo gol su punizione calciata magistralmente) e squali in balia del cavalluccio marino.

Nel finale della prima frazione una fiammata di Stoian riaccende, solo per un momento, i rossoblu ma il rumeno spreca tutto.

Ripresa con cambio nel Crotone, bocciatura per Balasa e si rivede Yao, in campo dopo 11 partite senza sentire l’odore dell’erba.

Il Crotone si lancia alla ricerca del gol che riapre la partita e dopo 16 minuti il bomber Budimir mette a segno il suo gol numero 15 in stagione. Trovato il gol il Crotone prova a pareggiare la partita.

Al 28^ Juric prova la mossa Torromino, al posto di Stoian, per vivacizzare l’azione offensiva.

Al 32^ entra De Giorgio per fare rifiatare Zampano, punteggio sempre fermo sul 2-1 per i padroni di casa.

Al 42^  Garcia Tena sciupa l’occasione del 2-2: tutto solo in area, in sfuggito al fuorigioco, a tu per tu con Gomis non riesce a concludere.

Il risultato non cambia più Cesena che con questi 3 punti sale a quota 58 agganciando per 24 ore Spezia e Pescara, il Crotone che resta capolista sempre a +3 sul Cagliari che dovrà vedersela domani con il disperato Como.