© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

E’ una vera e propria corsa contro il tempo quella di Cristian Brocchi. Il nuovo allenatore del Milan dovrà vincere e soprattutto convincere da qui al 21 maggio, giorno della finale di Coppa Italia contro la Juve. Sei partite di campionato per ottenere almeno il sesto posto e sperare di alzare il trofeo in quel di Roma. Ma in particolar modo la società, e in primis Silvio Berlusconi, gli chiede di dare un gioco al Milan. Il patron vuole vedere bel gioco e per questo ieri sera su Facebook è arrivata la stoccata definitiva a Sinisa Mihajlovic: “Non ho mai visto giocare il Milan così male”. Un attacco diretto al serbo, licenziato telefonicamente senza nemmeno avere un confronto dal vivo con la dirigenza. Una fine triste per un Mihajlovic, mai gradito al presidente.

Ora però in panchina c’è Brocchi e l’allenatore deve ottenere il massimo dalla rosa in pochissimo tempo. Sarà determinante entrare subito in sintonia con il gruppo e provare a tirare fuori il meglio da ogni interprete. Lo stesso Brocchi ha sottolineato in conferenza che questa sua esperienza in prima squadra comporta una serie di rischi, come quello di bruciarsi una grossa opportunità. Ma proprio perché si tratta di una grande occasione, Brocchi vuole giocarsela al massimo delle possibilità, con tutte le energie, con entusiasmo e determinazione.

Il pubblico milanista è incavolato perché al Milan c’è tantissima confusione, le scelte vengono fatte senza programmare, molto spesso sono reazioni di pancia, però Brocchi ora si sta giocando le sue carte e deve ottenere subito risposte sul campo. Proprio per questo cambierà modulo, sta già provando il 4312 e proverà a buttare nella mischia qualche volto nuovo per dare la giusta scossa in vista di questi ultimi 40 giorni, Brocchi e il Milan si giocano tutto.