© foto di www.imagephotoagency.it

Cinquantuno gol in 101 partite nerazzurre. Una rete e un assist ieri sera a San Siro per non lasciar scappare via la Roma. E’ Mauro Icardi il protagonista della rinascita di una Inter che nelle ultime due partite ha conquistato sei punti. Dopo la sofferta vittoria di Frosinone, la compagine nerazzurra ha conquistato tre punti più agevoli contro un Napoli che s’è bruscamente svegliato dopo aver a lungo cullato il sogno Scudetto.
Il capitano nerazzurro è stato l’autentico mattatore della sfida. Il gol convalidato (ma in leggera posizione di fuorigioco) dopo quattro minuti sul lancio di Medel ha permesso ai nerazzurri di impostare la gara come Mancini l’aveva preparata: poco possesso palla e tante ripartenze. L’assist per Brozovic a fine primo tempo ha permesso ai padroni di casa di tornare negli spogliatoi con un doppio vantaggio e limitarsi ad amministrare la seconda frazione.
“Io rimango qui sicuramente, poi di offerte ne parlerà la società. Io sono venuto qui per vincere e voglio restare qui”, ha spiegato a fine gara il centravanti argentino che a microfoni accesi ha regalato un’altra gioia ai suoi tifosi. Icardi, per il futuro come per il presente, è concentrato solo sull’Inter, su una rincorsa Champions che è più viva che mai. Quest’oggi la Roma, adesso a +3, è impegnata a Bergamo in una difficile trasferta contro l’Atalanta. Più in generale, più complesso da qui al termine della stagione il calendario dei giallorossi che sono ancora attesi da big match come quelli contro Napoli e Milan. Ecco perché l’Inter ci crede, trascinata da un Icardi in stato di grazia.