© foto di Federico De Luca

Col passare del tempo sembrano diminuire le chance di una permanenza di Sousa alla Fiorentina. E’ vero, c’è un contratto anche per il prossimo anno ma il portoghese ha già dimostrato nel recente passato che se non è convinto dai programmi ed è attratto da nuove avventure è pronto anche a romrere con il club d’appartenenza. Tutto da vedere se con i Della Valle sarà possibile. Il rapporto adesso pare freddo, le promesse non mantenute nello scorso gennaio hanno infastidito Sousa che adesso sta valutando il da farsi. E anche le proposte che gli stanno arrivando. Dal canto suo la Fiorentina deve pure cautelarsi e pensare a chi potrebbe essere il sostituto di Sousa. Il primo nome che viene in mente è quello di Eusebio Di Francesco, già cercato in passato e che adesso ha l’esperienza giusta per un salto del genere. Un’alternativa può essere rappresentata da Stefano Pioli, appena esonerato dalla Lazio. Nella stagione scorsa ha portato i biancocelesti al terzo posto e soprattutto ha dimostrato – particolare non certo secondario – di essere un aziendalista. Ulteriore elemento a suo favore, è un ex giocatore della Fiorentina, di cui ha vestito la maglia per sei stagioni. Da non sottolvlautare comunque anche la candidatura di Mazzarri, tecnico che ha un curriculum di valore. L’esperienza negativa all’Inter è stata poi in parte rivalutata da quanto successo nell’ultimo anno e mezzo, con i nerazzurri incapaci di trovare una loro identità.