© foto di Federico De Luca

Dopo il recente momento negativo attraversato dal Cagliari di Rastelli, la redazione di Tuttomercatoweb.com ha contattato in esclusiva il direttore sportivo dei sardi Stefano Capozucca:

Perché il Cagliari non riesce a uscire da questo momento di crisi?
“E’ un periodo purtroppo lungo e i numeri sono impietosi. Le cinque sconfitte nelle ultime otto gare sono un pessimo risultato anche se le ultime due sono ampiamente immeritate. Ad Ascoli pensavamo di vincere, abbiamo avuto nove palle gol clamorose. Abbiamo pagato il non aver concretizzato queste occasioni. Anche contro lo Spezia non meritavamo di perdere. Ci stanno questi momenti, bisogna fare quadrato e mettere al sicuro il campionato che è stato comunque molto importante, soprattutto nella prima parte. L’obiettivo è finire in modo positivo”.

Venerdì il Crotone potrebbe ottenere la promozione…
“Bisogna fargli solo tanti complimenti per quello che hanno fatto. Se hanno fatto 63 punti il merito è di tutti. Sicuramente non era previsto tra i protagonisti del campionato”.

Le critiche al presidente Giulini fanno male?
“Il nostro presidente è un ambizioso e ha grande voglia. Tutti vogliamo la promozione, il Cagliari non appartiene a questo campionato. Lui non deve essere criticato perché ha lasciato ampi poteri a direttore e allenatore. Lui è l’unico che non ha grandi responsabilità. E’ l’unico esente da colpe in questo momento”.