© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Valerio Bertotto, una delle grandi bandiere dell’Udinese (ora tecnico della Pistoiese), commenta la decisione di Totò Di Natale di dire addio all’Udinese. “Ad un certo punto della carriera inevitabilmente succede anche questo – racconta a Tuttomercatoweb.com – Totò non è un giocatore normale, ha lasciato una traccia indelebile nella storia del club. E’ un momento triste per lui e per l’Udinese ma ha scritto pagine da ricordare con grande affetto. E’ nel firmamento dell’Udinese”.

C’è un gol o una partita che si ricorda con particolare piacere?
“Abbiamo giocato talmente tante partite inseme che è difficile stabilire una top ten dei suoi gol. Ha sempre realizzato reti non banali ed è complicato sceglierne alcuni. Ricordo comunque con piacere il fatto che ha sempre messo la squadra davanti a tutto. Ora gli faccio l’in bocca al lupo per il suo futuro. Ha un bagaglio di livello per poter prendere la miglior decisione, se continuare o imboccare una nuova strada”.

A suo parere gli è mancato il salto in una big?
“No perchè ha sempre evitato lui di fare trasferimenti più importanti, leggasi Juventus: si sentiva ripagato da ciò che faceva ad Udine. Tutto questo non toglie assolutamente niente alla sua carriera”.