Mentre scriviamo, nella sala stampa situata dietro la curva nord dell’Ezio Scida, vediamo il monitor vibrare,  pensiamo al terremoto ma invece è il palo colpito da Ante Budimir che propaga la sua oscillazione ancora adesso.

Peccato per Budimir ma, oggettivamente, il pareggio è il giusto risultato di un partita vibrante e spettacolare, che ha mostrato la forza del Crotone che, nella ripresa, ha messo sotto una delle squadre più forti del campionato.

Sono volti soddisfatti quelli che hanno Ivan Juric e Domenico di Carlo al termine del match.

Juric è contento di come i suoi ragazzi hanno interpretato la gara:

“Questo pareggio vale 4 punti, abbiamo tolto 2 punti allo Spezia, abbiamo guadagnato un punto e, negli scontri diretti siamo noi in vantaggio. Ho visto il miglior secondo tempo mai disputato in relazione a valore dell’avversario,dopo un primo tempo nel quale diversi sono stati gli errori in fase di gestione palla. Ho visto fare cose stupende, la giusta aggressività e possesso palla, lo Spezia non è mai uscito dalla propria metà campo, i tifosi devono essere veramente orgogliosi di questa squadra”.

In casa ligure, Di Carlo elogia i suoi ragazzi e poi fa i complimenti al Crotone:

“Non era facile fare punti allo Scida, lo sapevamo. Abbiamo disputato un primo tempo di grande qualità, peccato per lo occasioni avute e non sfruttate. Nella ripresa è venuto fuori il Crotone ed alla fine abbiamo anche rischiato di perderla ma sarebbe stato ingiusto. Complimenti al Crotone che tra 2 giornate festeggerà la serie A e speriamo che lo Spezia possa raggiungerlo”.

Anche Raffaele Palladino è soddisfatto del risultato oltre che  della sua prova e, quando gli chiediamo perché nel secondo tempo invece di tirare ha cercato di fare l’assist per Budimir, ecco cosa risponde:

“Forse sono troppo buono ma la mia carriera è stata caratterizzata da tanti assist e meno gol, io sono un giocatore che vive per gli assist e anche oggi ho messo dentro due/tre palle che purtroppo non hanno avuto l’esito sperato”.

Unica nota dolente il problema che ha avuto Bruno Martella, uscito nel primo tempo, probabilmente una contrattura.

La squadra domani sarà subito al lavoro in vista della trasferta di Cesena in programma lunedì sera dove Ivan Juric ricorrerà ad un ampio turn-over per far rifiatare i ragazzi.

 

 

Crotone   0

Spezia     0

Crotone(3-4-3): Cordaz, Garcia Tena, Claiton, Ferrari, Di Roberto, Barberis, Salzano, Martella (Balasa), Ricci (Stoian), Budimir, Palladino. All. Juric

Spezia(4-3-3): Chichizola, Del Col, Valentini, Terzi, Tamas, Pulzetti, Juande, Sciaudone, Piccolo (Ciurria), Okereke (Situm), Catellani (Calaio’). All. Di Carlo

Arbitro: Juan Luca Sacchi di Macerata

Ammoniti: Catellani, Sciaudone, Juande.

Angoli: 3 a 2 per lo Spezia

Recupero: 1′ pt. – 4′ st.

Spettatori totali: 9.229 per un incasso di € 78.299.

Quota abbonati: 3.676 € 15.633

Biglietti: 5.623 € 62.666.