© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com

Matteo Paro, centrocampista del Crotone, ha rilasciato alcune dichiarazioni a La Gazzetta dello Sport: “Quando mi telefonò il mister mi disse se volevo tornare a Crotone ma per fare una stagione dignitosa e magari salvarci con tranquillità. Poi, cammin facendo, è venuto fuori un campionato eccezionale dove tutti abbiamo contribuito al massimo delle nostre possibilità. Siamo stati bravi a non farci trascinare in quei tunnel che si formano dopo una sconfitta; infatti dopo ogni k.o. siamo tornati a vincere e questa è stata la nostra forza. Quest’anno invece abbiamo capito subito che si poteva fare qualcosa di buono, a parte la sconfitta di Cagliari. Avevamo una voglia particolare di raggiungere il primo obiettivo che era la salvezza e ci siamo riusciti. Contro lo Spezia anche io pensai che questa sarebbe stata la nostra stagione. Abbiamo vinto una gara difficilissima dimostrando carattere e padronanza al cospetto di un avversario fortissimo. Quella con la Juve era una vittoria annunciata da tempo, questa è diversa, nessuno ci dava un soldo bucato alla vigilia per cui la sento mia, perché ci sono arrivato col sacrificio e con l’impegno ed a 33 anni, per cui ha un sapore diverso”.