© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Attaccanti

Ante Budimir 9 – Il centravanti serve e ruba il palcoscenico a chiunque, inutile prendersi in giro. Della sua storia, pescato nel St. Pauli con una grandissima intuizione di Ursino, si è detto tanto. È il pezzo pregiato della casa e il Crotone lo ha già blindato riscattandolo, anche se le sirene di mercato si faranno sentire. Nessun allenatore avversario lo aveva davvero previsto e lui ha fatto irruzione in questa Serie B sconquassando le difese.

Federico Ricci 8,5 – Se Budimir va di sciabola, lui è il fioretto a disposizione di Juric. Ne sentiremo parlare a lungo, da esterno si accentra e ricama alcune delle cose più belle fatte in stagione a Crotone e dal Crotone.

Adrian Stoian 7,5 – La consacrazione? Chissà. Il romeno ha talento e non da oggi, finora non era riuscito a dimostrarlo in maniera continua. Juric non lo irregimenta e in parte lo deresponsabilizza, facendone uno degli esterni più ficcanti della cadetteria.

Raffaele Palladino 7,5 – Al suo arrivo, in tanti erano scettici. E invece smentisce tutti, si mette in forma in un amen e aumenta il tasso di qualità della squadra.

Giuseppe Torromino 7 – La fotografia del Crotone e di Crotone. Nato nella città di Pitagora, è stato costretto a emigrare in Piemonte per iniziare la sua carriera. Poi è tornato e ha fatto la spola per l’Italia: ritorno, episodio II e si è preso un posto nella più bella annata degli Squali. Sostituire Budimir non è facile, lui riesce quasi a non farne sentire la mancanza.

Pietro De Giorgio 6,5 – È uno dei giocatori con più militanza del gruppo. Meno presente rispetto ad altre stagioni, riesce a mettere anche la firma dello Zar su questa promozione.