© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com

Tocca anche al tecnico del Bari Andrea Camplone presentarsi in conferenza stampa prima della gara al San Nicoladi domani contro il Como. Ecco le sue parole raccolte da TuttoBari.com: “L’arrivo di Noordin? Fa piacere l’ingresso del nuovo socio nel Bari ma noi dobbiamo pensare al campo e al Como. Non sarà affatto una partita facile. Ho letto i proclami del nuovo investitore ma adesso la realtà è solo il Como, squadra capace di mettere sotto tutti gli avversari che ha incrociato. E’ una squadra che lotta e da non sottovalutare. Turnover in vista? Stiamo valutando. Anche perché c’è qualcuno un po’ stanco. Donati e Lazzari si sono ben destreggiati quando sono stati chiamati in causa. Specialmente il primo, era nel dimenticatoio prima che arrivassi. Incontriamo una squadra pimpante. Abbiao effettuato lavoro di scarico in settimana, in difesa non verranno fatti cambiamenti. Il Como rispecchia la mentalità dell’allenatore. Non mollerà fino alla fine, neanche un centimetro in campo. Nelle ultime uscita ha mostrato carattere e domani giocheranno alla morte per guadagnare punti. Guai a pensare di aver già vinto altrimenti rischiamo la figuraccia. Ganz? Si muove tantissimo e sa vedere bene la porta, dovremo essere bravi a non concedergli troppo spazio. I playoff? Sono una lotteria, ma indubbiamente il terzo posto può dare vantaggi. Ciò che conta è arrivare bene ai playoff, sarà importante recuperare tutti i giocatori che non sono al 100%. Jakimovski? Ha fatto fatica ad adattarsi. L’ho voluto fortemente, ora sta meglio e potrebbe avere qualche chance di scendere in campo. Ci potrà dare una mano in queste ultime gare. Lazzari sta facendo bene entrando a gara in corso. E’ un calciatore tecnico ed intelligente, può fungere anche da trequartista. La classifica è cortissima ed una battuta d’arresto può costar caro. Non dobbiamo guardare agli altri, dobbiamo fare i nostri punti. Poi valuteremo dove saremo e tireremo le somme. Maniero? E’ il più acciaccato del tridente. De Luca sta recuperando mentre Boateng ha qualche problemino fisico. Dovrò schierare quelli che offrono maggiori garanzie. Puscas si è stirato un mese fa e non è stato facile per lui recuperare vista la sua stazza. Abbiamo recuperato Di Noia mentre De Luca non è al 100%. Non giocherà dall’inizio. Puscas sta meglio di Maniero ma quest’ultimo è il nostro bomber. gentsoglou si è allenato col gruppo”